La salute vien mangiando (sano)!

lasalutevienmangiando

No, non è una cavolata, è la verità! Per stare bene, in forma e in salute bisogna mangiare! Non poco. Non troppo. Il giusto, quello che serve al tuo corpo!

Non c’è concetto più difficile da capire per noi donne, molte (troppe) sono ancora convinte che l’unico modo per perdere peso e, di conseguenza, vedersi bene allo specchio sia di imporsi di mangiare poco o niente. E ovviamente i carboidrati sono i principali responsabili dell’aumento di peso. Poveri carboidrati.
L’ho provato sulla mia pelle, quando, nel 2013, insoddisfatta del mio aspetto ho iniziato a ridurre sempre di più le porzioni di cibo fino ad arrivare a pesare 56 kg per 1,73 cm di altezza. Raggiungevo a malapena le 800/900 calorie al giorno, mi pesavo continuamente e mi guardavo allo specchio con occhio critico trovando ogni difetto possibile e immaginabile. Comprare vestiti era più semplice, raccontavo a me stessa, le taglie piccole mi calzavano a pennello, i pantaloni non stringevano mai, però c’era sempre qualcosa che non andava. Più mi guardavo, più continuava a crescere la mia insoddisfazione. Mangiavo pochissimo, ero magra, quindi perché non mi vedevo bene? Mi resi conto che con il peso avevo anche la mia femminilità. Il mio corpo non aveva più curve.

Iniziai, quindi, ad andare in palestra e ad abbinare alle interminabili corse sul tapis roulant qualche esercizio con i pesi. Grazie alla mia colazione fatta di latte e quattro oro saiwa, finì con lo svenire in sala pesi. Il ciclo era sparito. Ero arrivata ad un punto morto, in un vicolo cieco e dovevo uscirne. A quel periodo seguì un periodo molto intenso in cui il lavoro estivo in un ristorante cambiò ogni mio orario e abitudine alimentare portandomi ad acquistare peso fino ad arrivare a 65kg. Inutile dire che mi vedevo malissimo. Le curve erano tornate, si, ma nei punti sbagliati. C’è voluto più di un anno e mezzo per far ricomparire il ciclo e per rimediare ai datti fatti al mio corpo. Mi ritrovai con zero muscoli, massa grassa troppo alta e metabolismo bloccato.

Da quel momento ho iniziato un percorso che sto continuando ancora oggi e che, finalmente, mi ha portato ad apprezzare il mio corpo, a valorizzarlo e a capire i miei punti di forza. Ho impiegato due anni per trovare la strada giusta e non sono mancati i momenti di sconforto però, come si suol dire, la costanza e la forza di volontà ripagano sempre! La strada è lunga ma una volta iniziato, sarà una strada in discesa! Non si possono pretendere cambiamenti immediati e non ci si può abbattere alla prima difficoltà.

Cosa bisogna fare per iniziare a vedere qualche cambiamento? Bisogna spendere migliaia di soldi in prodotti “miracolosi” o iniziare a pregare chissà quale santo? Assolutamente no, bastano due cose:

ALIMENTAZIONE SANA E ATTIVITà FISICA

Queste due cose, se fatte bene, vi porteranno tantissimi risultati. Questo a patto che: veniate seguite (almeno all’inizio) da persone competenti che vi indirizzino verso un’alimentazione sana, abbondante, che preveda ogni macronutriente (carboidrati, proteine e grassi buoni) nelle giuste proporzioni e un’attività fisica intensa e costante. Ahimè non saranno tre lezioni di zumba a settimana a darvi risultati, servono i pesi e tanto impegno per far crescere i vostri muscoli e rimodellarvi.

Nei prossimi articoli vi spiegherò a grandi linee il mio percorso e come ho imparato a mangiare bene e molto, ma molto di più. Alla prossima!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *